IMG_2150Fin dalla nascita di Jammin abbiamo cercato di sintonizzare le frequenze della nostra radio con la musica che fa rabbrividire il cuore.
Spesso cerchiamo le emozioni e poi le ritrasmettiamo in studio, altre volte sono loro a venirci a trovare senza nemmeno andare a cercarle.
Questo è ciò che ci è successo lo scorso 25 aprile 2015 al Cabaret Port’Alba di Napoli.
Abbiamo assistito al live del celebre chitarrista di Edoardo Bennato, Gennaro Porcelli in trio con il bassista Diego Imparato e il batterista Carmine Landolfi nella formazione Gennaro Porcelli & The Highway 61.
Ad impreziosire ulteriormente la serata, abbiamo trovato, anzi no, si è fatto trovare anche Alfredo Edo Notarloberti, violinista d’eccezione e amico intimo di Porcelli.
Lavoriamo in una radio, ma non dimentichiamo che le note in realtà hanno un colore tutto da vedere. Visioni possibili solo grazie a un live come quello di Porcelli.
Il colore al CPA era ovviamente il blu. Blues da blu, quasi ovvio. Quasi: niente è così superficiale come sembra.
Il blu di Blues si dice derivi da quelle sfumature di blu malinconiche, tristi, a tratti infelici.
Il blu(es) di Porcelli invece rappresenta invece l’amore per la musica, per la sua chitarra che continua a portarlo lontano da casa e che qualche volta lo fa anche tornare.
Le sfumature di Blu al CPA non possono essere contenute nemmeno nelle righe di un pentagramma, figuriamoci nelle poche righe di questo articolo.
Vi lasciamo con un estratto di quel live che, siamo sicuri, cambierà il colore anche di questa serata.